La valutazione dei brillanti:
come funziona

Per la vendita dei vostri diamanti, affidatevi ai Leader.
Valutazioni professionali, migliori quotazioni, massima riservatezza.

PAGAMENTO IMMEDIATO
Intestazione la valutazione dei brillanti: come funziona

Stabilire il valore di un brillante richiede una grande esperienza, la base di tutto è rappresentata dall’analisi delle 4C, ovvero le caratteristiche principali della pietra riassunte nella formula Cut-Carat-Color-Clarity.

Vediamo quali sono e come vengono valutate:

 Cut (Taglio)

Il taglio per eccellenza del diamante è il taglio brillante. Si, il brillante non è un tipo di pietra preziosa bensì un taglio. Questo modo di tagliare la gemma grezza è quello che maggiormente valorizza le qualità della pietra. Altri tagli utilizzati sono il taglio smeraldo, goccia, marquise o navette e quello ovale. Prevalentemente, il diamante da acquistare per investimento è taglio brillante.

Carat (Dimensione)

La dimensione, misurata in carati, è relativa al peso della pietra stessa.
Ogni carato è suddiviso in 100 punti.
Un carato è pari a 0.225 grammi.
Quindi un brillante da 75 punti sarà una pietra da 0.75 carati.

Color (Colore)

Il colore dei brillanti viene classificato all’interno di una scala che spazia da D a V. Il colore più prezioso è il “non colore” ossia la vicinanza alla totale mancanza di colore. Quindi un brillante di colore D, E o F sarà più prezioso di uno di colore K, L o M. Più ci si avvicina alla catalogazione V più la colorazione della pietra virerà verso il giallo.

Clarity (Purezza)

Il grado di purezza di un brillante viene classificato in base alla quantità e dimensione di eventuali inclusioni (impurità) all’interno della pietra.
La scala parte da IF e definisce le pietre senza inclusioni. Le pietre di questo grado di purezza sono utilizzate per gioielli unici o da collezione così come nelle pietre da investimento.
VVS1 e VVS2 definiscono pietre di altissima purezza, con inclusioni talmente insignificanti che spesso anche un gemmologo potrebbe non identificarle. Anche questo grado di purezza è assolutamente consigliato nel caso di pietre da investimento.
VS1 e VS2 identificano quelle pietre con un buon grado di purezza, per intenderci quelle solitamente usate nella gioielleria medio-alta, e sono pietre che presentano inclusioni non visibili ad occhio nudo, ma attraverso una lente da orafo.
Le categorie SI1, SI2, P1, P2 e P3 identificano le pietre con inclusioni visibili anche ad occhio nudo. Queste pietre sono di bassa qualità e di conseguenza utilizzate per gioielleria di categoria medio bassa.

VOLETE VENDERE BRILLANTI?

I nostri esperti sono a vostra disposizione per una quotazione personalizzata in massima riservatezza

Valutazione Gratuita Brillanti

VOLETE INVESTIRE
IN BRILLANTI?

MV Jewels Service propone un servizio consulenziale dedicato ad investimenti in brillanti e pietre preziose.

Richiesta consulenza